2.10.2019 Literatur Freier Lesesessel @ Theater ONO Bern / Literature Free Reading Chair!

Hi there, my next reading will take place on 2nd October 2019 @ at the well-known cultural local ONO in Bern. For me it’s my second performance in the beautiful Swiss Capital! And this time I will join my writing mates Karin Mayerhofer Dobler, Susanne Gantner & Giovito Russo. Our readings will be musically framed by Daniel Woodtli! More Infos www.onobern.ch

22.5.19 Schweizer Vorlesetag – Swiss Read Out Day

On 22nd of May 19 was the official read out day all over Switzerland, I did my read out as volunteer in the role of a fairy tale auntie one week before. I enjoyed reading Trudi Gerster’s and Sandy Jud’s fairy tales. The kids did a great job, were curious and told me about their young life. I told the kids to be always attentive to what teachers explain and read a lot, because it’s important for their growth.

Many thanks to Maria Dea Covella @ Primary School Olten Bifang, Joana Studer & Michelle von Däniken @ Primary School Zofingen, Jasmin Jaggi @ nursery Kita Koalabär Aarau Rohr & your pupils and toddlers for the warm welcome! Your Thank-You with shiny little eyes was the best applause for me!!!

 

 

14.5.19 Schweizer Vorlesetag – Swiss Read Out Day

On this day I’ll do my volounteering in the name of my employeer, as a fairy godmother. I’ll be reading at various nurseries and primary schools, reading out from Trudi Gerster’s „Swiss Fairytales“ and Sandy Jud’s “ Für Dich mein Schatz hat es auch noch Platz“. For safety reasons not mentioned where the readings will took place, thanks for your comprehension.

22.3.19 ***POSTICIPATO*** Tè letterario con libri @ Fabrica – Vietri sul mare (Amalfi Coast)

***L’evento è rimandato dovuto alla tragica scomparsa di Francesco Citarella!***
***The event is postponed due to the tragic loss of Francesco Citarella***
RIP Francesco!

TÈ LETTERARIO con i libri:
„Poesie delle notti bianche“, di Maria Rosaria Amato, Oèdipus Edizioni; e
„La Cartiera“, di Sina Merino, Edizioni Paguro;
Venerdì 22 Marzo, ore 18:30 in Vicolo Passariello n°9 presso Fabrĭca – Vietri sul Mare.
Ne discuterà con le autrici il giornalista Aniello Palumbo.

Saranno serviti pasticcini e tè in tazze di ceramica vietrese realizzate per l’occasione dalle nostre talentuose ospiti, le artiste Little FreakElisa D’Arienzo e Giorgina Daniela Scalese.

Grazie mille Francesco Citarella & Antonio Gazia @ La Congrega Letteraria

28.12.18 A BIG Thank you!

A BIG thank you as always to my family, close friends, and: Raffaele Agresti @ Promozioni Eventi Territorio, Patricia Aschillier & all mates @ Schweizer Schreibfrauen, Gianfranco Carozza, Francesco Citarella @ Congregazione Letteraria, Nicola Conforti & Salvatore Conforti @ La Sorgente, Giangi Cretti @ Camera di Commercio Italiana per la Svizzera, Antonio Gazia @ Congregazione Letteraria, Lena Glanzmann @ Open Stage Bern, Kaelin Murielle @ Schlusslicht, Sarah Kunz @ Oltner Tagblatt, Ruedi Maurer, Rossana Muzzi @ Incontro Italia, Claudia Pietropinto, Vincenzo Pietropinto, Cecilia Renna, Jennifer Rohr @ Bücherstube Obergösgen, Alessio Scarpa, Marc-Philip Seidel, Carlo Simonelli, David Spielmann @ Soulman, Patrick Weissbaum @ Open Stage Bern, Jessica Wirz @ Radio Bärn!

It was a tough, but wonderful 2018!

14.9.2018 In Memoriam „Irene“ vittima di feminicidio

Mia cara Irene…oggi avresti compiuto 36 anni. Sono tornata alle 14.30 sul luogo del delitto, sono rimasta per un minuto in silenzio a farti gli auguri…una piccola striscia gialla di gesso ricorda il contorno del tuo corpo accasciato…quante volte maledico quel stramaledetto venerdi‘ del 23 febbraio scorso, da li ho iniziato a odiare i venerdi’…in pochi minuti ti ho persa; ti ho visto viva, freddata e morta…le tue ultime parole erano „Sina, non lo voglio vedere…“ io t’imploravo con insistenza „Irene, non andarci, chiama la polizia!“, „…scendo un attimo e chiudiamo questa storia…“, „…vengo anch’io e ti aiuto, se lui alza di nuovo le mani!“. Forse quei paio di secondi, che il mio superiore mi aveva chiamato, mi avranno salvato la vita…dopo ho sentito tanti colpi, credo fossero dieci, sono corsa verso il vetro e ti ho vista accasciata per terra immersa in un lago di sangue…ho urlato all’impazzata, gridando il tuo nome „Irene, Irene, noooo“. I miei colleghi mi hanno presa per le braccia e mi hanno rinchiusa in un ufficio, temevano che io andassi fuori di testa. Erano attimi terribili, ripetevo sempre „devo andare da Irene, devo salvarla…“ poi una brava persona del nostro care team mi ha tenuto le mani dicendo „Irene non c’è l’ha fatta…“
Giorni dopo mi sono avvicinata alla tua salma, Dio, che impressione vedere il tuo occipite e viso sfigurato. Irene, perché non mi hai ascoltata? Da mesi t’imploravo di denunciare quel disgraziato, lo hai fatto solamente quando io avverti‘ il nostro superiore di fare pressione e sei andata dalla polizia quel maledetto venerdi‘ mattina…troppo tardi.
Mi manchi tantissimo, mi manca il nostro cappuccino quotidiano, le nostre chiacchierate…ma non tornerai piu‘! Non sono mai piu‘ tornata alla tua tomba, non riesco a farmene una ragione, che tu stai sotto terra…TU dovevi essere qua, a vivere la tua vita con le tue figliolette. No, lui per egoismo, oltre le botte, offese e minacce brutte via Whatsapp, con 4 pallottole di Berretta in testa ti ha portata con se. Maledetto che sia lui. Maledetti tutti gli uomini che in mia presenza si permettono di prendere parole di violenza in bocca – io non conosco perdono.
DONNE, se il vostro ragazzo, compagno o marito alza le mani o vi minaccia di ammazzarvi, denunciatelo! Perché questo non è amore, questo si chiama: VIOLENZA!

Ti portero‘ sempre nel mio cuore, Irene
Sina

PS:la panchina in foto è situata alla Marina di Vietri, uno dei miei luoghi preferiti e città attiva contro la violenza sulle donne!